Marcello Mascherini
Il Teatro

programma trimestrale

Progetti

I saperi dell’era digitale. Dall'enciclopedismo della Divina Commedia alla complessità contemporanea. Come sono cambiati valori culturali e paradigmi scientifici.

Il 700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri ha indotto il CCA a programmare per il 2021, d’intesa con i partner nel territorio regionale e oltreconfine, una serie di momenti di riflessione multidisciplinare sul modo in cui sono cambiati, nell’era digitale, valori culturali e paradigmi scientifici, passando dall'enciclopedismo della Divina Commedia alla complessità contemporanea. Esperti nei vari settori della conoscenza e giovani letterati in concorso internazionale saranno invitati a esprimere e a commentare i propri saperi.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 25.000 euro dalla Regione Friuli V, Giulia ai sensi della legge LR 16/2014, art. 26 (Avviso pubblico per la concessione di contributi a sostegno di iniziative progettuali riguardanti manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica - Anno 2021).

Obiettivi

Il progetto si propone l’obiettivo generale di contribuire alle finalità della LR. 16/2014 che definisce quella del Friuli V. Giulia “una comunità qualificata da un pluralismo culturale, linguistico e storico” e che riconosce alla cultura il suo “essenziale valore sociale, formativo e di sviluppo economico”, “prezioso strumento di pacifica convivenza tra i popoli”, “momento di progresso nella dimensione europea e democratica”.

Tenendo conto della tematicità di fondo suggerita dalla Regione per il 2021 - 700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri - e delle proposte di attività multiculturale avanzate dalle Sezioni statutarie del Circolo, il progetto punta a conseguire quattro obiettivi specifici:

  • favorire la riscoperta e contestualizzare nella realtà attuale gli eterni valori della conoscenza e dell’umanesimo, nutrimento del vivere civile, della crescita individuale e di quella sociale;
  • promuovere una conoscenza più diffusa e approfondita di opere artistiche, personaggi e temi culturali rilevanti per il territorio e per la comunità regionale;
  • sottolineare l’importanza della ricerca e della creatività per lo sviluppo dell’innovazione, base della crescita economica e sociale che viene stimolata dalla conoscenza e dalle contaminazioni culturali e artistiche;
  • allargare l’impatto divulgativo e la fruibilità delle iniziative del CCA soprattutto a vantaggio dei giovani, mediante un crescente impiego di applicazioni telematiche e un’accentuata interazione con il mondo accademico, scolastico e associazionistico regionale e transfrontaliero.

L’efficacia delle iniziative attuate e i risultati raggiunti rispetto a tali obiettivi saranno oggetto di un incontro pubblico conclusivo, aperto alle varie componenti socioculturali e agli operatori dell’informazione.

Attività

A - INIZIATIVE ISPIRATE AL 700° ANNIVERSARIO DEL SOMMO POETA

A.1 - "A te convien tenere altro viaggio”. Passeggiata letteraria per le vie di Trieste. Storia, cammino e suggestioni dalla Divina Commedia che si ricollegano alle zone visitate.

A.2 - “Amore senza amore, psicopatologia nel IV girone del Purgatorio”. Conferenza dello psichiatra veneto Franco Garonna. L’accidia nella moderna esplorazione psicopatologica.

A.3 - "Dante transumanista. Un Paradiso contemporaneo" - Conferenza di Laura Marino: il 'trasumanar' dantesco visto in parallelo al transumanesimo contemporaneo, un nuovo movimento culturale che ragiona sull'opportunità di aumentare le potenzialità umane e si interroga sulle trasformazioni antropologiche venutesi a creare con la tecnologia.

A.4 - “Dante e la Musica”  - Illustrazione di brani ispirati al Sommo Poeta, esecuzione della “Sonata Dante” di Liszt, ispirata alla Divina Commedia e considerata al vertice del virtuosismo pianistico.

B - EVENTI MULTICULTURALI

B.1 LETTERATURA

1.1 - Premio letterario Giani Stuparich sul tema "Memorie, storie, utopie".

In occasione del 75° anniversario dalla fondazione, il CCA istituisce e bandisce un concorso letterario intitolato al suo fondatore, riservato ai giovani di età non superiore a 25 anni, residenti nella macroregione Friuli V. Giulia-Slovenia-Croazia-Austria. L'elaborato potrà consistere in un racconto sul tema della memoria, su un'esperienza familiare, di studio, di lavoro o una riflessione su temi significativi della contemporaneità (storici, ambientali, economici, morali e altri). Una giuria di 5 membri valuterà le opere, presentate in lingua italiana o in una delle lingue minoritarie del FVG o in lingua inglese (obbligatoriamente corredate da traduzione in italiano), assegnando al primo classificato un premio in denaro.

1.2 - “Dallo storytelling aziendale all’ermeneutica dell’impresa" - Il racconto commerciale, Beniamino Mirisola.

B.2 MEDICINA

2.1 - “Sintomi Neurologici da Covid-19” - Paolo Manganotti, Direttore Clinica Neurologica di Trieste.

2.2 - “La Medicina nel Rinascimento” - Maurizio Rippa Bonati, storico della Medicina, Padova.

2.3 - “La Psicopatologia nei dipinti di Van Gogh” - Guido Cristofori, neuropsichiatra infantile.

2.4 - “La (ri)umanizzazione della Medicina” - Maurizio De Vanna, psichiatra.

B.3 SCIENZE MORALI

3.1 - "Dal portolano alla rete: come cambia la didattica della navigazione" -  Bruno Zweg, Direttore Accademia nautica dell'Adriatico.

3.2 - "Una nuova etica all'epoca del web" - Andrea Crismani, ordinario di Diritto Amministrativo, UNITS.

3.3 - "Giustizia e intelligenza artificiale" - Roberto Kostoris, avvocato.

B.4 SCIENZE MATEMATICHE E NATURALI

4.1 - “NON siamo computazionalmente onnipotenti” - Eugenio Omodeo: come mai non sappiamo risolvere tanti problemi d'importanza vitale?

4.2 - “Creatività tecnologica al servizio della cultura. Esperienze a confronto”. Comunicare l’arte; i musei digitali; storytelling e patrimonio etnografico.

4.3 - “La Filosofia del Tempo” – Intervento al convegno internazionale di Aiello in occasione della Festa delle Meridiane 2021.

B.5 - RELAZIONI INTERNAZIONALI E INTEGRAZIONE EUROPEA

5.1 - “I Balcani nel futuro dell’Europa” - 2° evento sul tema. Damir Grubiša, ex ambasciatore di Croazia in Italia.

5.2 - “I Balcani nell’attività dell’INCE (CEI)” - Roberto Antonione, Segretario generale Iniziativa Centro Europea.

5.3 - “Next Generation EU e Stato di diritto” - Alberto Alemanno (HEC, Parigi) e Justus Schönlau, Bruxelles.

5.4 - “Fiume e Trieste fra Storia e Cultura”, evento in due giornate durante la Settimana della Cultura Italiana promossa dal Consolato Generale d’Italia a Fiume d’intesa con la Farnesina.

B.6 - MUSICA

6.1 - “LOLA project”. Il sistema di sincronia a lunga distanza elaborato dal Conservatorio di Trieste col GARR, Rete italiana dell’Istruzione e Ricerca.

6.2 - “Giuseppe Tartini Maestro delle Nazioni” - Evento a Pirano durante il festival estivo. Relazione di Romolo Gessi, brani dal vivo.

B.7 - MUSICOLOGIA

7.3 - "Giuseppe Tartini, Maestro delle Nazioni on-line" - Il catalogo delle composizioni tartiniane, ora disponibile nel sito www.discovertartini.eu

7.4 - "Dizionario Universale dei Musicisti" di Carlo Schmidl. L'enciclopedismo musicologico nella Trieste di fine Ottocento in una conversazione di Stefano Bianchi.

B.8 - SPETTACOLO

8.1 - “Marcello Mascherini e l’Architettura” – Esperti a confronto sulla sinergia artistica dello scultore e scenografo con eminenti architetti regionali e nazionali.

B.9 - CINEMATOGRAFIA

Convegno “Ugo Pirro: uno scrittore al di sopra di ogni sospetto” e ciclo di film dello stesso scrittore-sceneggiatore (in sala e/o su piattaforma Anac/Kino):

        • Il Gobbo - Carlo Lizzani, 1960
        • A ciascuno il suo - Elio Petri, 1967
        • Il giorno della civetta - Damiano Damiani, 1968
        • Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto - Elio Petri, 1970
        • Il giardino dei Finzi Contini - Vitorio De Sica, 1970
        • Il giudice ragazzino - Alessandro Di Robilant,1994
        • Celluloide - Carlo Lizzani, 1996

Impatto culturale e innovatività

il progetto prevede il bando del primo Concorso letterario a premi in regione riservato ai giovani, intitolato al grande intellettuale Giani Stuparich. L’iniziativa intende avvicinare studenti, e non, a un esercizio di riflessione - cui la scrittura generalmente porta - sui temi più significativi di carattere storico, ambientale, economico, morale o comunque avvertiti dai giovani nella contemporaneità.

L’apertura del concorso ai residenti nell’area macroregionale transfrontaliera costituisce a sua volta un esperimento di apertura e di maggiore compenetrazione culturale.

Tutte le altre manifestazioni sono pianificate privilegiando temi scarsamente noti o poco approfonditi in seno alla comunità regionale, vuoi perché ignorati dai programmi scolastici e universitari, vuoi perché trascurati anche dai media. La trattazione degli argomenti è sempre affidata a esperti e accademici di altissima levatura.

La ricorrenza del Settecentenario Dantesco induce ulteriori sollecitazioni, spingendo il CCA a proporre temi filosofici e artistici inediti per il territorio.

La giornata di studio su Mascherini e l’Architettura porrà in luce per la prima volta in modo organico le collaborazioni che l’artista, scultore e scenografo, intrattenne con alcuni fra i più grandi architetti della sua epoca per progetti di monumenti, edifici, luoghi di spettacolo e interni navali (sinergie che gli valsero, fra l’altro, un alto riconoscimento nella Mostra Internazionale dei Trasporti della V Triennale di Milano, ordinata da Gustavo Pulitzer Finali nel 1933).

Un dibattito sarà incentrato sull'incidenza e il ruolo delle tecnologie telematiche e multimediali nella valorizzazione del patrimonio culturale e nella sua divulgazione: ruolo che si è accentuato nei  tempi della pandemia.

Nel suo complesso il progetto evidenzia crescente dinamismo e massima apertura del CCA verso l’intera comunità regionale e in un'ampia sfera transfrontaliera. Il ruolo di responsabile scientifico è affidato alla prof.ssa Cristina Benussi.

Partner e rispettivi ruoli

  1. Accademia Europeista FVG, Gorizia - Divulgazione, partecipazione con relatori e co-organizzazione eventi in tema di relazioni internazionali e di integrazione europea.
  2. Comune di Moruzzo - condivisione e diffusione di notizie sui principali eventi del progetto; partecipazione alla Giornata di studio sulle applicazioni tecnologiche per la promozione culturale e territoriale.
  3. ANAC - Associazione Nazionale Autori Cinematografici, Roma - Co-organizzazione del convegno sullo scenografo e scrittore Ugo Pirro; concessione accesso alla piattaforma nazonale AnacKino.
  4. Centro Ricerche Storiche di Rovigno - Co-organizzazione e partecipazione agli eventi legati, in particolare, ai temi delle Relazioni internazionali e dell'integrazione europea.
  5. Associazione Culturale Navarca, Aiello del Friuli - Collaborazione per l’intervento coordinato nel convegno scientifico su “La Filosofia del Tempo”; condivisione notizie sulle altre attività in progetto.
  6. Comunità degli Italiani di Abbazia (Croazia) - Collaborazione nella diffusione di notizie e inviti nell'area istro-quarnerina, compartecipazione eventi di preminente interesse e contatti con istituzioni.
  7. Associazione VideoTeleCarnia, Treppo-Ligosullo - Supporto al Piano di comunicazione del progetto, assistenza linguistica, videomaking. Co-organizzazione dell’evento 4.2 su tecnologie e ruolo degli audiovisivi per la divulgzione culturale e la promozione territoriale.
  8. Associazione Culturale “Archivio Marcello Mascherini”, Azzano Decimo - Co-organizzazione Giornata di studio su "Marcello Mascherini e l'Architettura", con evento collaterale nella casa-Museo dell’artista a Sistiana (Duino Aursina).
  9. Associazione “Amici dell’Orologeria pesarina”, Prato Carnico - Co-organizzazione dell’evento 4.2; relazione su esperienze di valorizzazione del patrimonio etnografico regionale mediante audiovisivi e canali museali.
  10. Comune di Muggia – Evidenza pubblica agli eventi in progetto nei propri canali divulgativi (web, locandine, comunicati); concessione in uso gratuito della sala convegni “G. Millo” per una o più iniziative.

“Archivi; Scrittori e Cultura regionale on-line”

Con decreto n. 1398 del 10 maggio 2021, la Direzione centrale Cultura e sport della Regione Friuli Venezia Giulia ha approvato la graduatoria delle proposte progettuali per l’anno in corso finalizzate alla realizzazione di: registrazioni di testimonianze, digitalizzazione, ripristino di materiale audiovisivo e fotografico, creazione di prodotti multimediali, fotografici, storytelling e attività espositive a cura di enti e associazioni no-profit. Il progetto “Archivi; Scrittori e Cultura regionale on-line” presentato dal Circolo ella Cultura e delle Arti di Trieste ha ottenuto il finanziamento richiesto di Euro 20.000 grazie al quale si è reso possibile dare attuazione all’attesa iniziativa.

Premessa

Nei suoi primi 75 anni di attività, il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste ha organizzato quasi seimila eventi nei vari campi dell’umanesimo, interagendo con centinaia di personalità illustri della cultura regionale, italiana ed europea che hanno animato conferenze, dibattiti, mostre e concerti. Fra questi: Salvatore Accardo, Arduino Agnelli, Giorgio Albertazzi, Michelangelo Antonioni, Ivo Andrić, Beniamino Andreatta, Piero Angela, Giulio Carlo Argan, Enzo Biagi, Carlo Bo, Norberto Bobbio, Sandro Bolchi, Valentino Bompiani, Vittore Branca, Italo Calvino, Carlo Cassola, Carlo Castellaneta, Manlio Cecovini, Gino Cervi, Giulio Confalonieri, Luigi Dallapiccola, Ferruccio De Bortoli, Giacomo Devoto, Gillo Dorfles, Francesco Flora, Antonio Foà, Vittorio Gassman, Alfonso Gatto, Gianandrea Gavazzeni, Virgilio Giotti, Renato Guttuso, Margherita Hack, Eugène Ionesco, Vito Levi, Claudio Magris, Biagio Marin, Marcello Mascherini, Massimo Mila, Arnoldo Mondadori, Indro Montanelli, Elsa Morante, Alberto Moravia, Ernesto Nathan, Tommaso Padoa Schioppa, Pier Paolo Pasolini, Guido Piovene, Gio’ Ponti, Vasco Pratolini, Salvatore Quasimodo, Sergio Romano, Umberto Saba, Natalino Sapegno, Leonardo Sciascia, Cesare Segre, Ignazio Silone, Mario Soldati, Giovanni Spadolini, Ugo Spirito, Fulvio Tomizza, Giuseppe Ungaretti, Elio Vittorini, Roman Vlad, Cesare Zavattini, Antonino Zichichi e tanti altri.

L’archivio del CCA conserva tracce significative di queste presenze: scambi di corrispondenza, inviti e locandine, abstract, comunicati stampa, ritagli di giornale, fotografie e resoconti. Esso è in grado di offrire uno spaccato sull’evoluzione del clima e degli interessi artistico-culturali di Trieste, della Venezia Giulia e di tutta la comunità regionale dall’immediato dopoguerra in poi. I contatti hanno generato una parallela attività editoriale, comprendente 82 titoli (libri e brochures) editi dallo stesso Circolo, nonché citazioni dei protagonisti in pubblicazioni di altri editori.

Il giacimento archivistico è ordinato sommariamente per anno, in faldoni, con contenuti non omogenei che comprendono, frammisti alla documentazione d’interesse culturale, verbali degli organi sociali, atti amministrativi e contabili, corrispondenza con i soci e altri documenti. Alcune scatole contengono servizi fotografici (stampe originali b/n, per lo più di piccolo formato, ma ben conservate). Dai primi anni 2000 si sono aggiunti alcuni supporti digitali (foto su CD). Il caricamento sistematico di documentazione digitale nel sito www.circoloculturaeartits.org è iniziato dal 2017 con le attività incentrate sui progetti tematici annuali.

S’impone pertanto un lavoro di ricognizione, selezione, riordino, indicizzazione, studio dell’intero fondo dal 1946 al 2016, con la digitalizzazione del materiale di rilievo culturale a fini di salvaguardia e di valorizzazione, favorendone la fruibilità anche da remoto.

Tale archivio, inoltre, va considerato funzionalmente intercorrelato con altri fondi che ne completano il quadro scientifico, in particolare:

  • ARCHIVIO DEGLI SCRITTORI E DELLA CULTURA REGIONALE, ordinato presso il Dipartimento Studi Umanistici dell'Università di Trieste, ove si conservano scritti autografi, appunti, diari, epistolari relativi a vari scrittori del panorama culturale regionale: Bruno Pincherle, Elody Oblath, Claudio Magris, Biagio Marin, Scipio Slataper, Giani Stuparich ed altri. Raccoglie inoltre fondi delle biblioteche appartenute a Scipio Slataper, Dario de Tuoni, Bruno Maier, Claudio H. Martelli e Antonio Fonda Savio (quest’ultimo comprendente pure libri del genero Italo Svevo);
  • ARCHIVIO MARCELLO MASCHERINI, curato dall’omonima associazione con sede ad Azzano Decimo, depositario della più completa raccolta di documenti, epistolari e testimonianze sull’artista;
  • alcuni fondi bibliotecari e archivistici dell’IRCI - Istituto regionale per la cultura istriano-fiumano-dalmata, depositario e referente per la produzione letteraria transfrontaliera, del CENTRO STUDI BIAGIO MARIN di Grado, del CONSERVATORIO DI MUSICA G. TARTINI di Trieste del CIVICO MUSEO TEATRALE CARLO SCHMIDL per le rispettive testimonianze.

Con la presente azione il CCA, nel quadro delle finalità generali della LR. 16/2014 e dei valori che essa ribadisce a supporto della crescita culturale dell’intera comunità del Friuli V. Giulia, intende provvedere alla salvaguardia e alla valorizzazione di tale patrimonio conoscitivo col ricorso alle metodologie e alle soluzioni tecnologiche più appropriate. A tal fine, dopo un’attenta ricognizione e un primo riordino del materiale, saranno sviluppati lo studio e la valutazione critica sui singoli oggetti, la classificazione, l’indicizzazione, la scansione degli oggetti d’interesse storico, l’allestimento della piattaforma web dedicata alla fruizione dell’archivio integrato e alcune azioni di comunicazione. Una relazione introduttiva guiderà lo studioso nella comprensione dell’origine e del valore del giacimento; un data-base organizzato con vari percorsi di accesso faciliterà la consultazione on-line e la localizzazione fisica dei contenuti.

Le attività

La ricerca verterà sui materiali d’archivio del CCA relativi alle annate 1946-2016:

  • carteggi, documenti, corrispondenza con autori e protagonisti;
  • programmi delle manifestazioni, inviti, locandine, annunci e resoconti;
  • ritagli di giornale, appunti, fotografie dei personaggi e degli eventi;
  • bibliografia (libri, brochure, saggi); dattiloscritti inediti di rilievo culturale e sulle relative correlazioni esistenti negli archivi dei soggetti partner. I ricercatori produrranno una sintesi mensile del lavoro svolto e un report finale.

L’output sarà costituito da:

  1. Relazione descrittiva generale dell’Archivio CCA e delle correlazioni con i soggetti partner
  2. Sistemazione ordinata dell’archivio e della biblioteca, etichettatura
  3. Indice sommario generale (database ricercabile per anno, materia, nome, keyword)
  4. Regesto (schede con dati e breve descrizione di singoli oggetti; numero stimato: 700 schede)
  5. Area web dedicata all'Archivio integrato ‘Scrittori e cultura regionale’, dotata delle necessarie applicazioni tecnologiche e implementata di contenuti
  6. Piano di comunicazione divulgativa in tre momenti (avvio del progetto, mid-term, rilascio dei risultati)
  7. Logo del progetto; icona a disposizione dei partner e di altri interessati per link all’area dedicata dai rispettivi siti
  8. Promo (breve video illustrativo)
  9. Giornata di studio conclusiva

Nell’evento finale saranno svolte, con la partecipazione dei vari attori del progetto, considerazioni sul valore culturale dell'Archivio sotto il profilo biografico, storico, di politica civile, di esegesi letteraria, d'interpretazione critica, di analisi del contesto storico, con l’identificazione di inediti. Saranno evidenziate possibili ricadute in campo editoriale, con iniziative piccolo-imprenditoriali e professionali nel campo culturale-creativo. Saranno discusse infine delle ipotesi di produzioni audiovisive che potrebbero svilupparsi in una seconda fase del progetto.

 Giani Stuparichl 1946

Un raro foto-ritratto del giovane Giani Stuparich promotore della fondazione del CCA nel 1946

 Elsa Morante Pier Paolo Pasolin 5 febbraio 1958

Elsa Morante e Pier Paolo Pasolini, ospiti del CCA il 5 febbraio 1958

Metodologia

All’avvio delle attività sarà insediato il Gruppo di progetto, composto dal prof. Paolo Quazzolo (responsabile scientifico, UNITS), dalla prof.ssa Maria Pinzani (esperta in archivistica, UNITS), dal dott. Franco Rota (project manager, Eurotrieste) e da rappresentanti designati dai soggetti partner con funzioni di coordinamento, scambio di esperienze e osmosi di buone pratiche. Sarà quindi effettuata la selezione concorsuale di due giovani laureati, destinatari delle due borse di studio / ricerca semestrali previste.

Successivamente verrà individuato un professionista o una start-up regionale del settore informatico, per l’impostazione della piattaforma web dedicata.

Dopo un breve percorso di formazione a cura della docente di archivistica, i due ricercatori saranno guidati nelle attività di ricognizione, selezione, ricollocazione ordinata, mappatura dell’archivio documentale, bibliografico e iconografico, etichettatura, stesura dell’indice sommario generale e del regesto con schede dedicate ai documenti di maggiore rilievo. I materiali di maggior interesse saranno digitalizzati nel rispetto delle regole ICCU-Istituto Centrale per il Catalogo Unico e ICAR -Istituto Centrale per gli Archivi, salvaguardati su idonei supporti informatici a disposizione dei partner e delle istituzioni regionali, nonché resi ricercabili e in buona parte fruibili anche da remoto.

L’interazione con i partner consentirà la parallela integrazione delle evidenze emergenti dall’archivio CCA con quelle corrispondenti, rinvenibili negli archivi intercorrelati.

Il piano di comunicazione prevederà tre momenti: un annuncio (kick-off meeting) all’inizio del progetto, un mid-term meeting di confronto e di verifica, per l’introduzione di eventuali correttivi o ampliamenti, e un workshop finale / Giornata di studio / per il rilascio dei risultati, con la presentazione di un breve audiovisivo illustrativo.

In tale sede saranno pure discusse le prospettive di ulteriori sviluppi editoriali o audiovisivi.

Coinvolgimento di giovani

Il CCA bandirà un concorso per l'assegnazione di due borse di studio / ricerca di durata semestrale per lo svolgimento delle attività di ricognizione, riordino, studio del materiale, elaborazione degli output e azioni comunicative per la valorizzazione delle risorse culturali in esame, l’implementazione nell’area web dedicata e nei supporti statici di salvaguardia. Le borse saranno assegnate mediante concorso per titoli e colloquio a cittadini italiani / europei che non abbiano superato i 35 anni di età, privilegiando laureati nell'ambito delle scienze umanistiche con tesi attinenti all’ambito archivistico moderno e contemporaneo.

L’elaborazione della piattaforma web dedicata all’ “Archivio degli scrittori e della cultura regionale del Friuli V. Giulia”, finalizzata a contenere e divulgare i prodotti della ricerca e a rendere direttamente accessibile on-line buona parte del materiale digitalizzato, sarà parimenti affidata a un giovane professionista o ad una start-up locale del settore informatico.

Nell’ambito della Convenzione-quadro triennale in essere fra il CCA e l’Università degli Studi di Trieste, quest’ultima coinvolgerà studenti italiani e stranieri dell’area umanistica nella fruizione dei risultati della ricerca, favorendo la conoscenza della realtà letteraria e artistico-culturale regionale dal secondo dopoguerra ad oggi.

Un giovane videomaker locale sarà incaricato di realizzare un breve filmato illustrativo, da utilizzare a scopo promozionale-divulgativo nei vari contesti.

Fruibilità dei materiali prodotti

Il presente progetto costituisce la necessaria fase iniziale del percorso di salvaguardia e di valorizzazione, in termini di conoscenza, approfondimento e fruibilità accessibile del patrimonio storico-documentale costituito dall’archivio del CCA interconnesso con gli altri archivi regionali correlati, incentrato sul tema “Scrittori e cultura regionale”.

Eseguito il lavoro di riordino, analisi e studio del materiale preselezionato, si procederà con l’implementazione nell’area web dedicata degli output previsti (indice sommario generale, regesto, schede analitiche relative a protagonisti ed eventi che hanno maggiormente contrassegnato la vita culturale della regione e del suo capoluogo Trieste dal secondo dopoguerra ad oggi e che trovano testimonianza nel materiale documentario, bibliografico e iconografico.

Si renderà possibile in tal modo, innanzitutto, la lettura di una sintetica illustrazione generale sui contenuti dell’Archivio (origine, articolazione, spunti di particolare interesse) e poi la consultazione da remoto dell’indice sommario e delle singole schede, con opzioni di visualizzazione o download open-source (con obbligo di citazione della fonte, nel caso di utilizzazioni derivate).

Il data-base sarà articolato con accessi per data /anno, per nome (autore, personaggio, manifestazione) e parole chiave.

Un logo - file grafico - identificativo dell’Archivio sarà pubblicato nel sito e messo a disposizione dei partner o di altre istituzioni interessate, per linkare e pubblicizzare dai rispettivi siti l’accessibilità all’Archivio.

Il rilascio dei risultati del progetto avrà luogo nel corso di un evento pubblico (in presenza e/o videoconferenza) a conclusione delle attività, nel mese di giugno 2022, con il coinvolgimento dei partner, di altre istituzioni culturali regionali e di operatori dell’informazione. L’iniziativa sarà comunicata via mail ai circa 380 contatti compresi nella mailing list del CCA e attraverso analoghi canali divulgativi dei partner.

FR/15.5.2021

logos 5 partners

Ieri e oggi. La contaminazione interculturale fattore di sviluppo umanistico

Anche per il 2020 il Circolo ha elaborato e presentato con successo un ampio progetto di manifestazioni divulgative della cultura umanistica, che ha ottenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia il finanziamento richiesto di 25.000 euro nell’ambito del bando annuale LR. 16/2014. Importanti cofinanziamenti per lo stesso ciclo di iniziative sono stati deliberati dalla Fondazione benefica Kathleen Casali e dalla Fondazione CRTrieste, consentendo - dopo un’inevitabile difficoltà iniziale dovuta all’emergenza Covid-19 che ha imposto adattamenti delle modalità e del cronogramma – il pieno avvio delle attività.
La presentazione ufficiale del progetto è stata svolta in videoconferenza il 27 maggio a cura del presidente del CCA avv. Sergio Cecovini.
Obiettivi, contenuti e agenda delle manifestazioni sono stati illustrati dal Responsabile scientifico prof.ssa Cristina Benussi.
Il Consigliere segretario dott. Franco Rota ha evidenziato aspetti tecnico-gestionali e configurazione del partenariato. Oltre alle collaborazioni consolidate da tempo con l’Accademia Europeista FVG (Gorizia), con la Comunità degli Italiani di Fiume (Croazia), con la Società di studi storici e geografici di Pirano (Slovenia), è stato possibile ampliare la collaborazione nell’iniziativa 2020 a sette nuovi soggetti: nell’area istriana, il Centro Ricerche Storiche di Rovigno; nel territorio regionale il Comune di Moruzzo (UD), il Circolo culturale Navarca (Aiello del Friuli) e l’Associazione Amici dell'Orologeria Pesarina (Prato Carnico - UD), portatori di testimonianze storiche e di peculiari eredità etnografiche. Ancora, in ambito nazionale, l’Associazione culturale IDEM di Verona (leader del prestigioso “Festival della Bellezza”), l’Associazione Nazionale Autori Cinematografici, con sede a Roma, e infine a Trieste il Circolo del Cinema Metropolis - gestore del Centro culturale KNULP.

Presentazione del progetto 2020:

IERI E OGGI. LA CONTAMINAZIONE INTERCULTURALE
FATTORE DI SVILUPPO UMANISTICO

Responsabile scientifico, prof.ssa Cristina Benussi

Il progetto nasce dal connubio fra due presupposti: il carattere interdisciplinare della divulgazione umanistica attuata dal Circolo, che ne costituisce la storicità, e la tematicità specifica suggerita per i 2020 in ambito regionale, ovvero la ricorrenza del 600° anniversario dalla caduta del Patriarcato di Aquileia con l’avvento del dominio della Repubblica di Venezia.

Muovendo da queste premesse ci siamo proposti quattro obiettivi specifici:

far riscoprire il valore culturale e contestualizzare l’esperienza del patriarcato, della sua autonomia e della sua capacità di interpretare in modo partecipativo le attese delle popolazioni di un ampio territorio europeo, attraverso il più antico “parlamento” del continente;

promuovere l’approfondimento e il dibattito pubblico, rivolgendosi soprattutto ai giovani, sugli immutati valori della democrazia e della legalità quali basi della civile convivenza;

sottolineare altresì gli stimoli per l’innovazione e i benefìci per la crescita sociale che derivano dalle aperture verso il "nuovo": conoscenze scientifiche, conquiste culturali, contaminazioni artistiche;

accentuare l’impatto divulgativo e l’efficacia dell’offerta culturale del CCA col supporto delle moderne tecnologie, con una crescente interazione nel mondo accademico e nella scuola, un rafforzamento delle relazioni di collaborazione con altre istituzioni culturali in regione e oltre confine.

Il programma delle attività può essere sintetizzato in due parti.

A - Iniziative ispirate al "600° anno dalla fine del patriarcato

  1. Presentazione del volume di Giovanni Gregori “Grado, dai Patriarchi ai Dogi al poeta Biagio Marin”, edito a cura del Centro Studi Biagio Marin
  2. Patriarcato AquileiaConferenza dei proff. Miriam Davide e Giuseppe Trebbi: "Dal patriarcato di Aquileia alla conquista  veneta del Friuli. Storia di una transizione"
  3. Conferenza del prof. Maurizio Rippa Bonati: "La medicina nel Rinascimento", riflessioni sulla migrazione delle conoscenze mediche nell’epoca prerinascimentale tra Veneto e Friuli
  4. Conferenza-evento a Trieste del prof. Philippe Daverio: “La bellezza: Aquileia e Venezia, due culture per un territorio ‘unico’", nel quadro del programma 2020 del ‘Festival della Bellezza’ (Verona)
  5. Conferenza di Alceo Solari e A. Puschiasis: “Orologi simboli del potere ecclesiastico-politico del Patriarcato: dall'astrario di Giovanni Dondi al Tempo del Mercante”
  6. “Le terre di Marco di Moruzzo”, co-organizzazione di una presentazione a Trieste del progetto culturale promosso dal Comune di Moruzzo (UD), sulla vicenda dell'ultimo alfiere del Patriarcato
  7. “Il canto Patriarchino nelle tradizioni aquileiesi e istriane”, illustrazione del M° David Di Paoli Paulovich

A queste si aggiunge la presentazione del pregevole volume, pubblicato di recente da Giovanni Gregori, dal titolo “Grado, dai Patriarchi ai Dogi al poeta Biagio Marin” che traguarda duemila anni.

B - Manfestazioni di carattere interdisciplinare

B1 - LETTERATURA

  • Introduzione di Christian Sinicco al volume "La 'natura matrigna' di Leopardi figlia di Achitrenius, poema medievale, di Giovanni di Altavilla"; presenti i curatori Lorenzo Carlucci e Laura Marino
  • "Con Emergency in Africa e Afganistan", reportage di Roberto Maccaroni

B2 - MEDICINA

Oltre alla conferenza di cui al punto A2, quattro incontri pubblici su:

  • Psicologia e Arte: la creatività come leva del benessere
  • Indicazioni e controindicazioni della Chirurgia Estetica
  • Psicopatologia nella produzione artistica di Vincent Van Gogh
  • Nuovi approcci terapeutici all’autismo infantile

B3 - ECONOMIA

  • “Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale: dallo sviluppo della cultura allo sviluppo economico”, a cura dell’avv. Alessandro Zanmarchi
  • “Etica d’Impresa”, incontro sul tema del bilancio sociale con l’avv. Sandra Asaro

B4 - SCIENZE MORALI

Oltre all'evento A1, la Sezione ha previsto di organizzare un incontro pubblico a Trieste col giornalista dott. Ferruccio De Bortoli sul tema "Ci salveremo. Appunto per una riscossa civica". L’evento, già fissato per il 7 aprile nella Sala Maggiore del Palazzo della Borsa, ha dovuto essere rinviato e si spera di recuperarlo dopo l’estate.

B5 - RELAZIONI INTERNAZIONALI E INTEGRAZIONE EUROPEA

  • “Immaginare il futuro dell’Unione europea”, incontro col dott. Giovanni Grevi, European Policy Center, Bruxelles. Incontro fissato per l’11 giugno, in collaborazione con il partner Associazione Europeista FVG
  • “Progetti e iniziative interregionali ed interculturali al servizio della pace - Le attività dell’Iniziativa Centro Europea (INCE)”, incontro con il Segretario generale on. Roberto Antonione
  • “Villa Vigoni - Un Centro di eccellenza italo-tedesco al servizio dell’integrazione culturale europea”, incontro con la Dr. Christiane Liermann-Traniello, Segretaria generale
  • “Una politica estera ‘integrata’ dell’Unione europea? Il caso delle sanzioni contro Stati terzi”, incontro con Sara Poli - ordinario Università di Siena e Francesco Paolo Mansi - avvocato cassazionista, docente alla SSPL di Padova
  • “La dimensione internazionale della politica d’immigrazione dell’UE e i diritti fondamentali dello straniero”, incontro con Marcello Di Filippo - ordinario Univ. di Siena e Chiara Favilli, Univ. di Firenze.

B6 - SPETTACOLO E ARTI VISIVE

  • "Spazi teatrali nell'Aquileia romana". Conferenza del prof. Paolo Quazzolo rivolta in particolare agli studenti universitari, all’inizio dell’anno accademico 2020-21
  • "Passeggiata culturale nella Trieste medievale", evento di turismo narrativo rivolto soprattutto ai giovani, dopo il successo ottenuto dalla 'Passeggiata joyciana attraverso i teatri' nel giugno 2019
  • Marcello Mascherini“Marcello Mascherini e il Teatro”. Presentazione della mostra e del volume-catalogo sulla produzione artistica di Mascherini quale scenografo, costumista e regista teatrale. L’esposizione è prevista a Palazzo Gopcevich dal 14 novembre 2020 al 6 gennaio 2021, con eventi successivi a Pordenone (Museo civico), Duino Aurisina (Casa-museo dell’artista) e Azzano Decimo (Teatro Mascherini) che fanno parte di un progetto parallelo con vari altri partner.

B7 - SCIENZE MATEMATICHE E NATURALI

Oltre all'evento A4, è prevista la partecipazione con una relazione del prof. Andrea Sgarro al convegno "La filosofia del tempo” organizzato dal Comune di Aiello nell’ambito della Festa delle meridiane 2020, prevista per il 20 settembre.

B8 - CINEMATOGRAFIA

Ciclo intitolato "Il cinema e il suo specchio. Appunti cinematografici di una società che cambia" comprendente due articolazioni.

  1. Evento di apertura (30.9.2020): Giornata in ricordo del regista Massimo Sani, patrocinata dell’ANAC - Associazione Nazionale Autori Cinematografici. Proiezione dell’opera “Il crollo di un impero” (70’), realizzata per la RAI nel 1968 per la rubrica Almanacco. Relazioni di apertura: di Francesco Martinotti, presidente dell'ANAC, e di un giornalista RAI.
  2. A seguire, da ottobre a dicembre, 10 proiezioni settimanali di film d’autore, a Trieste e a Muggia:
    • Il cammino della speranza (1950, P. Germi)
    • Il ferroviere (1955, P. Germi)
    • Il sorpasso (1962, D. Risi)
    • Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1969, E. Petri)
    • Radiofreccia (1998, L. Ligabue)
    • Romanzo di una strage (2012, M.T. Giordana)
    • Per mano ignota (2014, C. Natoli)
    • Anime nere (2014, F. Munzi)
    • Il capitale umano (2014, P. Virzi)
    • Suburra (2015, S. Sollima)

Impatto scientifico-culturale, innovatività e originalità del progetto.

Come accennato, la ricorrenza del 600° anniversario dalla fine del Patriarcato offre lo spunto per la rivisitazione di una preziosa eredità storica delle nostre terre, forse non sufficientemente conosciuta. I suoi valori in termini di democrazia e di legalità saranno contestualizzati nel quadro contemporaneo delle immutate esigenze per la convivenza civile.

Il tema della legalità sarà affrontato dal CCA in modo nuovo, portandolo direttamente all’interno di un liceo-ginnasio con un’azione pilota, una lezione per gli studenti aperta anche al pubblico, nell'aula magna del Liceo Dante. Un’esperienza che riteniamo estensibile ad altri istituti scolastici nella regione.

Su questo e su altri temi, il Circolo si rivolgerà ai giovani interagendo pure col mondo accademico, nell’ambito della convenzione-quadro con l’Università di Trieste (rinnovata il 4 luglio 2019, per una durata triennale). Si farà affidamento sulla disponibilità collaborativa di alcuni Consiglieri, professionalmente impegnati in attività di docenza, e verrà inoltre attivata all’interno del sodalizio una Sezione Giovani, come prevista dallo Statuto, quale sede di riflessione innovativa e di partecipazione.

Contiamo di offrire ai ragazzi un corridoio privilegiato per avvicinarsi al mondo della cultura, con agevolazioni sulla quota associativa ma soprattutto con l’invito a divenire co-protagonisti di incontri e dibattiti. E’ pure allo stuio l’istituzione di un premio per giovani autori - poeti.

Approfondimenti inediti saranno dedicati all'influenza in campo scientifico  (astronomia, medicina) e artistico determinata dall’avvento in Friuli della dominazione Veneziana. Un’influenza ben presente già dai secoli precedenti nelle “terre da mar” dell’Adriatico orientale, con contaminazioni di conoscenze e di creatività che hanno inciso in misura indelebile sullo sviluppo degli assetti sociali, urbanistici ed economici delle regioni costiere istroquarnerine, della Dalmzia e oltre.

Infine, da sottolieare che il progetto coinvolgerà per la prima volta la nostra regione col suo capoluogo nel circuito del “Festival della Bellezza”, fondato nel 2014 a Verona da dove irradia prestigiose iniziative in varie città del Veneto, con relatori di spicco a livello europeo. L’evento con Christian Daverio è programmato al teatro Rossetti, condizionato ovviamente dall’evoluzione che speriamo positiva della pandemia Covid-19 e dei provvedimenti anticontagio correlati.

Prossimi Appuntamenti

Prossimi Appuntamenti

Sezione Arti Visive

Sezione Arti Visive

Sezione Cinematografia

Sezione Cinematografia

Sezione Economia

Sezione Economia

Sezione Musica

Sezione Musica

Sezione Letteratura

Sezione Letteratura

Sezione Medicina

Sezione Medicina

Sezione Musicologia

Sezione Musicologia

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Scienze Morali

Sezione Scienze Morali

Sezione Spettacolo

Sezione Spettacolo

sede via Besenghi

via Besenghi, 16 • 34143 Trieste
tel/fax 040 3404100
presso Seminario Vescovile

Iscrizione al Circolo

C.F. 80022560322

Segreteria

ORARIO PER IL PUBBLICO

LUN MAR MERC GIOV
dalle 9:00 alle 11:30

sede via Besenghi

Nel periodo della pandemia Covid-19
si riceve solo su appuntamento.

vai alla mappa

vai alla mappa