“Archivi; Scrittori e Cultura regionale on-line”

Con decreto n. 1398 del 10 maggio 2021, la Direzione centrale Cultura e sport della Regione Friuli Venezia Giulia ha approvato la graduatoria delle proposte progettuali per l’anno in corso finalizzate alla realizzazione di: registrazioni di testimonianze, digitalizzazione, ripristino di materiale audiovisivo e fotografico, creazione di prodotti multimediali, fotografici, storytelling e attività espositive a cura di enti e associazioni no-profit. Il progetto “Archivi; Scrittori e Cultura regionale on-line” presentato dal Circolo ella Cultura e delle Arti di Trieste ha ottenuto il finanziamento richiesto di Euro 20.000 grazie al quale si è reso possibile dare attuazione all’attesa iniziativa.

Premessa

Nei suoi primi 75 anni di attività, il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste ha organizzato quasi seimila eventi nei vari campi dell’umanesimo, interagendo con centinaia di personalità illustri della cultura regionale, italiana ed europea che hanno animato conferenze, dibattiti, mostre e concerti. Fra questi: Salvatore Accardo, Arduino Agnelli, Giorgio Albertazzi, Michelangelo Antonioni, Ivo Andrić, Beniamino Andreatta, Piero Angela, Giulio Carlo Argan, Enzo Biagi, Carlo Bo, Norberto Bobbio, Sandro Bolchi, Valentino Bompiani, Vittore Branca, Italo Calvino, Carlo Cassola, Carlo Castellaneta, Manlio Cecovini, Gino Cervi, Giulio Confalonieri, Luigi Dallapiccola, Ferruccio De Bortoli, Giacomo Devoto, Gillo Dorfles, Francesco Flora, Antonio Foà, Vittorio Gassman, Alfonso Gatto, Gianandrea Gavazzeni, Virgilio Giotti, Renato Guttuso, Margherita Hack, Eugène Ionesco, Vito Levi, Claudio Magris, Biagio Marin, Marcello Mascherini, Massimo Mila, Arnoldo Mondadori, Indro Montanelli, Elsa Morante, Alberto Moravia, Ernesto Nathan, Tommaso Padoa Schioppa, Pier Paolo Pasolini, Guido Piovene, Gio’ Ponti, Vasco Pratolini, Salvatore Quasimodo, Sergio Romano, Umberto Saba, Natalino Sapegno, Leonardo Sciascia, Cesare Segre, Ignazio Silone, Mario Soldati, Giovanni Spadolini, Ugo Spirito, Fulvio Tomizza, Giuseppe Ungaretti, Elio Vittorini, Roman Vlad, Cesare Zavattini, Antonino Zichichi e tanti altri.

L’archivio del CCA conserva tracce significative di queste presenze: scambi di corrispondenza, inviti e locandine, abstract, comunicati stampa, ritagli di giornale, fotografie e resoconti. Esso è in grado di offrire uno spaccato sull’evoluzione del clima e degli interessi artistico-culturali di Trieste, della Venezia Giulia e di tutta la comunità regionale dall’immediato dopoguerra in poi. I contatti hanno generato una parallela attività editoriale, comprendente 82 titoli (libri e brochures) editi dallo stesso Circolo, nonché citazioni dei protagonisti in pubblicazioni di altri editori.

Il giacimento archivistico è ordinato sommariamente per anno, in faldoni, con contenuti non omogenei che comprendono, frammisti alla documentazione d’interesse culturale, verbali degli organi sociali, atti amministrativi e contabili, corrispondenza con i soci e altri documenti. Alcune scatole contengono servizi fotografici (stampe originali b/n, per lo più di piccolo formato, ma ben conservate). Dai primi anni 2000 si sono aggiunti alcuni supporti digitali (foto su CD). Il caricamento sistematico di documentazione digitale nel sito www.circoloculturaeartits.org è iniziato dal 2017 con le attività incentrate sui progetti tematici annuali.

S’impone pertanto un lavoro di ricognizione, selezione, riordino, indicizzazione, studio dell’intero fondo dal 1946 al 2016, con la digitalizzazione del materiale di rilievo culturale a fini di salvaguardia e di valorizzazione, favorendone la fruibilità anche da remoto.

Tale archivio, inoltre, va considerato funzionalmente intercorrelato con altri fondi che ne completano il quadro scientifico, in particolare:

  • ARCHIVIO DEGLI SCRITTORI E DELLA CULTURA REGIONALE, ordinato presso il Dipartimento Studi Umanistici dell'Università di Trieste, ove si conservano scritti autografi, appunti, diari, epistolari relativi a vari scrittori del panorama culturale regionale: Bruno Pincherle, Elody Oblath, Claudio Magris, Biagio Marin, Scipio Slataper, Giani Stuparich ed altri. Raccoglie inoltre fondi delle biblioteche appartenute a Scipio Slataper, Dario de Tuoni, Bruno Maier, Claudio H. Martelli e Antonio Fonda Savio (quest’ultimo comprendente pure libri del genero Italo Svevo);
  • ARCHIVIO MARCELLO MASCHERINI, curato dall’omonima associazione con sede ad Azzano Decimo, depositario della più completa raccolta di documenti, epistolari e testimonianze sull’artista;
  • alcuni fondi bibliotecari e archivistici dell’IRCI - Istituto regionale per la cultura istriano-fiumano-dalmata, depositario e referente per la produzione letteraria transfrontaliera, del CENTRO STUDI BIAGIO MARIN di Grado, del CONSERVATORIO DI MUSICA G. TARTINI di Trieste del CIVICO MUSEO TEATRALE CARLO SCHMIDL per le rispettive testimonianze.

Con la presente azione il CCA, nel quadro delle finalità generali della LR. 16/2014 e dei valori che essa ribadisce a supporto della crescita culturale dell’intera comunità del Friuli V. Giulia, intende provvedere alla salvaguardia e alla valorizzazione di tale patrimonio conoscitivo col ricorso alle metodologie e alle soluzioni tecnologiche più appropriate. A tal fine, dopo un’attenta ricognizione e un primo riordino del materiale, saranno sviluppati lo studio e la valutazione critica sui singoli oggetti, la classificazione, l’indicizzazione, la scansione degli oggetti d’interesse storico, l’allestimento della piattaforma web dedicata alla fruizione dell’archivio integrato e alcune azioni di comunicazione. Una relazione introduttiva guiderà lo studioso nella comprensione dell’origine e del valore del giacimento; un data-base organizzato con vari percorsi di accesso faciliterà la consultazione on-line e la localizzazione fisica dei contenuti.

Le attività

La ricerca verterà sui materiali d’archivio del CCA relativi alle annate 1946-2016:

  • carteggi, documenti, corrispondenza con autori e protagonisti;
  • programmi delle manifestazioni, inviti, locandine, annunci e resoconti;
  • ritagli di giornale, appunti, fotografie dei personaggi e degli eventi;
  • bibliografia (libri, brochure, saggi); dattiloscritti inediti di rilievo culturale e sulle relative correlazioni esistenti negli archivi dei soggetti partner. I ricercatori produrranno una sintesi mensile del lavoro svolto e un report finale.

L’output sarà costituito da:

  1. Relazione descrittiva generale dell’Archivio CCA e delle correlazioni con i soggetti partner
  2. Sistemazione ordinata dell’archivio e della biblioteca, etichettatura
  3. Indice sommario generale (database ricercabile per anno, materia, nome, keyword)
  4. Regesto (schede con dati e breve descrizione di singoli oggetti; numero stimato: 700 schede)
  5. Area web dedicata all'Archivio integrato ‘Scrittori e cultura regionale’, dotata delle necessarie applicazioni tecnologiche e implementata di contenuti
  6. Piano di comunicazione divulgativa in tre momenti (avvio del progetto, mid-term, rilascio dei risultati)
  7. Logo del progetto; icona a disposizione dei partner e di altri interessati per link all’area dedicata dai rispettivi siti
  8. Promo (breve video illustrativo)
  9. Giornata di studio conclusiva

Nell’evento finale saranno svolte, con la partecipazione dei vari attori del progetto, considerazioni sul valore culturale dell'Archivio sotto il profilo biografico, storico, di politica civile, di esegesi letteraria, d'interpretazione critica, di analisi del contesto storico, con l’identificazione di inediti. Saranno evidenziate possibili ricadute in campo editoriale, con iniziative piccolo-imprenditoriali e professionali nel campo culturale-creativo. Saranno discusse infine delle ipotesi di produzioni audiovisive che potrebbero svilupparsi in una seconda fase del progetto.

 Giani Stuparichl 1946

Un raro foto-ritratto del giovane Giani Stuparich promotore della fondazione del CCA nel 1946

 Elsa Morante Pier Paolo Pasolin 5 febbraio 1958

Elsa Morante e Pier Paolo Pasolini, ospiti del CCA il 5 febbraio 1958

Metodologia

All’avvio delle attività sarà insediato il Gruppo di progetto, composto dal prof. Paolo Quazzolo (responsabile scientifico, UNITS), dalla prof.ssa Maria Pinzani (esperta in archivistica, UNITS), dal dott. Franco Rota (project manager, Eurotrieste) e da rappresentanti designati dai soggetti partner con funzioni di coordinamento, scambio di esperienze e osmosi di buone pratiche. Sarà quindi effettuata la selezione concorsuale di due giovani laureati, destinatari delle due borse di studio / ricerca semestrali previste.

Successivamente verrà individuato un professionista o una start-up regionale del settore informatico, per l’impostazione della piattaforma web dedicata.

Dopo un breve percorso di formazione a cura della docente di archivistica, i due ricercatori saranno guidati nelle attività di ricognizione, selezione, ricollocazione ordinata, mappatura dell’archivio documentale, bibliografico e iconografico, etichettatura, stesura dell’indice sommario generale e del regesto con schede dedicate ai documenti di maggiore rilievo. I materiali di maggior interesse saranno digitalizzati nel rispetto delle regole ICCU-Istituto Centrale per il Catalogo Unico e ICAR -Istituto Centrale per gli Archivi, salvaguardati su idonei supporti informatici a disposizione dei partner e delle istituzioni regionali, nonché resi ricercabili e in buona parte fruibili anche da remoto.

L’interazione con i partner consentirà la parallela integrazione delle evidenze emergenti dall’archivio CCA con quelle corrispondenti, rinvenibili negli archivi intercorrelati.

Il piano di comunicazione prevederà tre momenti: un annuncio (kick-off meeting) all’inizio del progetto, un mid-term meeting di confronto e di verifica, per l’introduzione di eventuali correttivi o ampliamenti, e un workshop finale / Giornata di studio / per il rilascio dei risultati, con la presentazione di un breve audiovisivo illustrativo.

In tale sede saranno pure discusse le prospettive di ulteriori sviluppi editoriali o audiovisivi.

Coinvolgimento di giovani

Il CCA bandirà un concorso per l'assegnazione di due borse di studio / ricerca di durata semestrale per lo svolgimento delle attività di ricognizione, riordino, studio del materiale, elaborazione degli output e azioni comunicative per la valorizzazione delle risorse culturali in esame, l’implementazione nell’area web dedicata e nei supporti statici di salvaguardia. Le borse saranno assegnate mediante concorso per titoli e colloquio a cittadini italiani / europei che non abbiano superato i 35 anni di età, privilegiando laureati nell'ambito delle scienze umanistiche con tesi attinenti all’ambito archivistico moderno e contemporaneo.

L’elaborazione della piattaforma web dedicata all’ “Archivio degli scrittori e della cultura regionale del Friuli V. Giulia”, finalizzata a contenere e divulgare i prodotti della ricerca e a rendere direttamente accessibile on-line buona parte del materiale digitalizzato, sarà parimenti affidata a un giovane professionista o ad una start-up locale del settore informatico.

Nell’ambito della Convenzione-quadro triennale in essere fra il CCA e l’Università degli Studi di Trieste, quest’ultima coinvolgerà studenti italiani e stranieri dell’area umanistica nella fruizione dei risultati della ricerca, favorendo la conoscenza della realtà letteraria e artistico-culturale regionale dal secondo dopoguerra ad oggi.

Un giovane videomaker locale sarà incaricato di realizzare un breve filmato illustrativo, da utilizzare a scopo promozionale-divulgativo nei vari contesti.

Fruibilità dei materiali prodotti

Il presente progetto costituisce la necessaria fase iniziale del percorso di salvaguardia e di valorizzazione, in termini di conoscenza, approfondimento e fruibilità accessibile del patrimonio storico-documentale costituito dall’archivio del CCA interconnesso con gli altri archivi regionali correlati, incentrato sul tema “Scrittori e cultura regionale”.

Eseguito il lavoro di riordino, analisi e studio del materiale preselezionato, si procederà con l’implementazione nell’area web dedicata degli output previsti (indice sommario generale, regesto, schede analitiche relative a protagonisti ed eventi che hanno maggiormente contrassegnato la vita culturale della regione e del suo capoluogo Trieste dal secondo dopoguerra ad oggi e che trovano testimonianza nel materiale documentario, bibliografico e iconografico.

Si renderà possibile in tal modo, innanzitutto, la lettura di una sintetica illustrazione generale sui contenuti dell’Archivio (origine, articolazione, spunti di particolare interesse) e poi la consultazione da remoto dell’indice sommario e delle singole schede, con opzioni di visualizzazione o download open-source (con obbligo di citazione della fonte, nel caso di utilizzazioni derivate).

Il data-base sarà articolato con accessi per data /anno, per nome (autore, personaggio, manifestazione) e parole chiave.

Un logo - file grafico - identificativo dell’Archivio sarà pubblicato nel sito e messo a disposizione dei partner o di altre istituzioni interessate, per linkare e pubblicizzare dai rispettivi siti l’accessibilità all’Archivio.

Il rilascio dei risultati del progetto avrà luogo nel corso di un evento pubblico (in presenza e/o videoconferenza) a conclusione delle attività, nel mese di giugno 2022, con il coinvolgimento dei partner, di altre istituzioni culturali regionali e di operatori dell’informazione. L’iniziativa sarà comunicata via mail ai circa 380 contatti compresi nella mailing list del CCA e attraverso analoghi canali divulgativi dei partner.

FR/15.5.2021

logos 5 partners

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Fondazione Casali

Fondazione CRTrieste

Prossimi Appuntamenti

Prossimi Appuntamenti

Sezione Arti Visive

Sezione Arti Visive

Sezione Cinematografia

Sezione Cinematografia

Sezione Economia

Sezione Economia

Sezione Musica

Sezione Musica

Sezione Letteratura

Sezione Letteratura

Sezione Medicina

Sezione Medicina

Sezione Musicologia

Sezione Musicologia

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Scienze Morali

Sezione Scienze Morali

Sezione Spettacolo

Sezione Spettacolo

sede via Besenghi

via Besenghi, 16 • 34143 Trieste
tel/fax 040 3404100
presso Seminario Vescovile

Iscrizione al Circolo

C.F. 80022560322

Segreteria

ORARIO PER IL PUBBLICO

LUN MAR MERC GIOV
dalle 9:00 alle 11:30

sede via Besenghi

Nel periodo della pandemia Covid-19
si riceve solo su appuntamento.

vai alla mappa

vai alla mappa