Martedì 17 dicembre 2019 - ore 17.00

Sala conferenze della Biblioteca Statale “S. Crise”, L.go Papa Giovanni XXIII n.6

Incontro con il prof. Pietro Daniel Omodeo

A cura del prof. Andrea Sgarro

 

In questa comunicazione Omodeo affronta gli snodi fondamentali della storiografia della scienza e delle immagini della scienza dal Novecento ad oggi a partire dal caso emblematico della scienza rinascimentale. Le figure di Leonardo e di Copernico saranno prese in considerazione come personificazioni di tendenze e di interpretazioni spesso diametralmente opposte: una volta a sottolineare il ruolo della mano e della tecnica, l’altra ad accentuare la dimensione cosmologica e speculativa della Rivoluzione Scientifica. Filoni idealistici e materialistici si sono scontrati sulla questione dello statuto della scienza modera e le sue origini, disputandosi il valore da ascrivere al pensiero di Leonardo e Copernico, Galileo e Keplero, dei loro maestri, avversari e allievi.  Ripensare l’eredità della scienza moderna a partire dalle sue radici e dai suoi motivi è ancora di fondamentale importanza per riflettere sulla cultura scientifica odierna.

 

Prof. Pietro Daniel Omodeo - è storico culturale della scienza e docente di epistemologia storica e politica all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

In ambito storico, la ricerca di Omodeo si concentra su scienza, filosofia e letteratura nella prima modernità mentre in ambito teorico si focalizza sull’epistemologia storica. Parte del suo lavoro riguarda la chiarificazione delle premesse ontologiche ed epistemologiche sottese alla filosofia naturale e alla scienza medievale e rinascimentale. Ha ampiamente indagato la storia della cosmologia e della meccanica preclassica, in particolare l’astronomia post-copernicana, l’emergere della fisico-matematica e del meccanicismo a cavallo di Cinque e Seicento. La sua metodologia si basa su un approccio politico-culturale alla storia dei concetti informato da categorie gramsciane. In filosofia della scienza, Omodeo porta avanti un’indagine epistemologico-storica sul cosiddetto apriori storico della scienza, una riflessione su genesi e funzione sociale e culturale delle categorie scientifiche.

Omodeo è direttore del progetto ERC Institutions and Metaphysics of Cosmology in the Epistemic Networks of Seventeenth-Century Europe, studio comparativo delle cosmologie della prima età moderna nei loro contesti politico-confessionali. Ente fondatore è l’Unione Europea, Programma di Ricerca e Innovazione Horizon 2020 (GA n. 725883 EarlyModernCosmology).

Tra le sue pubblicazioni figurano Copernicus in the Cultural Debates of the Renaissance: Reception, Legacy, Transformation (Leida 2014) e (scritto assieme a Jürgen Renn) Science in Court Society: Giovanni Battista Benedetti’s Diversarum speculationum mathematicarum et physicarum liber (Turin, 1585) (Berlino 2019). È editore di Bernardino Telesio and the Natural Sciences in the Renaissance (Leida 2019) and co-editore (con Massimiliano Badino) di Cultural Hegemony in a Scientific World: Gramscian Concepts for the History of Science (di prossima pubblicazione, Leida 2019). Ha appena dato alle stampe il volume Political Epistemology: The Problem of Ideology in Science Studies (Dordrecht 2019).

 

PROGETTO RINASCIMENTO

 

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Fondazione Casali

Fondazione CRTrieste

Sezione Arti Visive

Sezione Arti Visive

Sezione Lettere

Sezione Lettere

Sezione Medicina

Sezione Medicina

Sezione Scienze

Sezione Scienze

Sezione Scienze Morali

Sezione Scienze Morali

Sezione Spettacolo

Sezione Spettacolo

Sezione Musica

Sezione Musica

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

via San Nicolò, 7 • 34121 Trieste
tel/fax 040 366744
info@circoloculturaeartits.org

Segreteria

ORARIO DI APERTURA

LUN MAR MERC GIOV
dalle 15:30 alle 18:00

Iscrizione al Circolo

vai alla mappa

vai alla mappa