Martedì 28 maggio 2019 - ore 17.30

Sala Maggiore della Camera di Commercio di Trieste, Piazza della Borsa, 14

Incontro con il Alceo Solari, Giacomo Rupil e Bruno Machin

A cura del prof. Andrea Sgarro

 

La storia dell’evoluzione degli orologi, della loro fabbricazione e delle loro tecnologie è assai affascinante, e oltretutto si pone in stretta relazione con la storia dell’evoluzione sociale e scientifica.

Due inventori diventano i protagonisti di questa storia avvincente.

Leonardo da Vinci, figura del genio rinascimentale, che coniuga l’arte con la scienza e la tecnica approfondendo la conoscenza dei meccanismi dell’orologeria. A interessarlo fu lo straordinario astrario di Giovanni Dondi, conservato alla biblioteca ducale del castello Visconti di Pavia, visto durante i suoi spostamenti nel 1490.

Non stupisce che lo strumento o che le conoscenze astronomiche derivanti dal suo studio avessero ispirato Leonardo nel periodo al quale risalgono i disegni che raffigurano l’orologio planetario dell’Abbazia di Chiaravalle, il cui meccanismo è raffigurato al foglio 399 del Codice Atlantico.

Lo studio dell’orologio di Chiaravalle è importante perché Leonardo progettò i meccanismi a orologeria che si trovano nel codice di Madrid I. Remigio Solari, uomo dell’età moderna, esprime un saper fare geniale nell’arte orologiaia con l’invenzione dell’orologio digitale a palette. Un successo mondiale, che inizia con gli orologi monumentali della stazione di Santa Maria Novella a Firenze e quello a scacchiera montato sulla facciata delle Poste di Napoli.

Seguono i teleindicatori al servizio dei viaggiatori (di Trieste, New York, Parigi, Tokio, Vienna) i quali fanno conoscere nei cinque continenti che l’arte orologiaia, nata alla fine del secolo XVII, si è sviluppata a Pesariis: un piccolo paese di montagna, per poi diffondersi in tutto il mondo.

Remigio è un componente della settima generazione dei Solari, che svolgono questa arte a partire dall’anno 1725.

Il suo antenato Giacomo ha costruito nel 1816 l’orologio della Borsa di Trieste, Antonio (della quarta generazione) quello dell’Arsenale San Marco del cavalier Tonello, e infine il bisnonno Giovanni Battista, nel 1874 quello della Torre del Municipio e nel 1876 quello del Boschetto.

È interessante notare che l’arte orologiaia di Pesariis è presente a Trieste già nell’anno 1747 con l’installazione dell’orologio sulla Torre del Porto. Questo manufatto è opera dell’arte orologiaia dei Capellari che, con Cristoforo, alla fine del secolo XVII iniziano a produrre orologi nella Valpesarina - oggi nota come Valle del Tempo-.

Le relazioni saranno svolte dal ricercatore Alceo Solari (dell'ottava generazione dei Solari), da Giacomo Rupil (ideatore dell’orologio cinetico ad acqua e turbina posto nel 2009 all’ingresso della sede direzionale dell’Area Science Park) e da Bruno Machin (esperto dei brevetti di Remigio Solari).

 

1 Presentazione di Alceo Solari   2 Presentazione di Giacomo Rupil   3 Presentazione di Bruno Machin

PROGETTO RINASCIMENTO

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Fondazione Casali

Fondazione CRTrieste

Sezione Arti Visive

Sezione Arti Visive

Sezione Lettere

Sezione Lettere

Sezione Medicina

Sezione Medicina

Sezione Scienze

Sezione Scienze

Sezione Scienze Morali

Sezione Scienze Morali

Sezione Spettacolo

Sezione Spettacolo

Sezione Musica

Sezione Musica

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

via San Nicolò, 7 • 34121 Trieste
tel/fax 040 366744
info@circoloculturaeartits.org

Segreteria

ORARIO DI APERTURA

LUN MAR MERC GIOV
dalle 15:30 alle 18:00

Iscrizione al Circolo

vai alla mappa

vai alla mappa