Circolo della Cultura e delle Arti

Il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste, fondato nel 1946 per volontà dello scrittore Giani Stuparich,
segue con attenzione le trasformazioni sociali e culturali della città nel contesto regionale ed europeo,
aggiornando di anno in anno il proprio programma di divulgazione umanistica.
In tre quarti di secolo di attività ha realizzato oltre seimila manifestazioni:
conferenze, convegni, pubblicazioni, concerti, mostre, dibattiti, tavole rotonde,
ospitando centinaia di personalità tra le più importanti della cultura.

Sostieni la Cultura triestina! Dona al CCA il tuo 5 x mille

C.F. 80022560322

Il Circolo - per tradizione consolidata - opera non limitatamente ai propri Soci, ma a vantaggio di tutta la città e regione.
Le sue manifestazioni sono assolutamente gratuite ed aperte a tutti.

1946 – 17 febbraio – 2022

76° ANNIVERSARIO DALLA FONDAZIONE DEL CCA

Martedì 21 Novembre, ore 17:00

Sala conferenze della Biblioteca Statale “S. Crise”, Largo Papa Giovanni XXIII n.6

Incontro con il prof. Graziano Benelli

A cura del prof. Elvio Guagnini

 

Poeta, saggista, uomo politico senegalese di lingua francese, Senghor è nato in Senegal il 9 ottobre 1906 ed è morto in Normandia il 20 dicembre 2001. Il giovane Senghor frequenta le scuole elementari dei missionari cattolici prima a Dakar, dove completa la formazione cristiana impartitagli dai genitori. Continuerà poi gli studi a Parigi (1929), all’Università della Sorbona, dove si laurea in Lettere; qui ha come compagni di studi il martinicano Aimé Césaire e il guianese Damas. Assieme a loro e ad altri giovani studenti francofoni di colore, Senghor s’interessa alle tradizioni dell’Africa, alla sua storia, alla sua cultura, e nel contempo compone i suoi primi versi. Nasce così il Movimento della Negritudine, di cui egli è uno dei massimi esponenti.

All’indomani della seconda guerra mondiale Senghor viene eletto deputato all’Assemblea Nazionale francese come rappresentante della colonia del Senegal. Da questi banchi partirà la lotta per l’indipendenza dei paesi africani e in particolare del Senegal, indipendenza che verrà concessa nel 1959; nel 1960 viene eletto primo Presidente della Repubblica Senegalese. L’opera poetica di Senghor inizia contemporaneamente alla sua riflessione politico-ideologica, e di questa si nutre profondamente, come dimostra la sua prima raccolta, Chants d’ombre (1946). Si tratta di una poesia profondamente originale, dove la Negritudine viene concepita come passione, poiché il poeta si presenta come colui che è venuto a salvare le genti, a portare la buona novella (ai neri come ai bianchi).

Anche le successive raccolte poetiche di Senghor si fondano sulla tolleranza e sulla riconciliazione, sul rispetto assoluto dei reciproci valori e delle reciproche culture. L’odio ancestrale per l’Europa viene superato attraverso il sacrificio del perdono, per costruire con l’antico oppressore una nuova società, che Senghor chiama la Civiltà dell’Universale.

Tra i numerosi riconoscimenti attribuiti a Senghor, si ricorda la sua nomina a membro dell’Académie française (1983).

La segreteria del Circolo riprenderà l'attività operativa dal 5 settembre, nel consueto orario dal lunedì al giovedì, ore 9.00 - 11.30. La corrispondenza e-mail in arrivo nei mesi di luglio e agosto sarà monitorata settimanalmente, per dare riscontro a eventuali questioni urgenti.

Ai Soci e a tutti gli Amici del Circolo, auguriamo un'estate serena.


Rubriche e servizi

Si segnala, nella rubrica "Grandangolo" curata da Paolo Frandoli, la nuova galleria di immagini dedicata all’oasi faunistica dell’Isola della Cona, situata alle foci dell’Isonzo: vero e proprio tesoro naturalistico della nostra regione.

Lo spazio Letteratura presenta le opere dei vincitori premiati e segnalati nella prima edizione del concorso internazionale “Giani Stuparich” riservato a giovani scrittori e videoamatori della macroregione Friuli V. Giulia – Austria – Slovenia – Croazia.

La sezione Cinematografia riporta una sintesi del libro di Francesco Cenetiempo “Fulgidi quegli anni!”, dedicato alle attività in campo cinematografico sviluppate della Sezione Spettacolo del CCA nei primi anni del dopoguerra (1947-1956).

Audio-video archivio

Le pagine Appuntamenti offrono la cronologia completa degli eventi realizzati dal Circolo a partire dall'anno 2017. Cliccando sul titolo di ciascuna manifestazione si accede alla relativa sintesi descrittiva, alle note biografiche sui relatori e ad eventuali contenuti multimediali correlati.

Dal 2018, diverse conferenze sono state audio-registrate. Dal 2020, numerosi incontri sono stati tenuti in video-conferenza, attraverso piattaforme dedicate, che ne hanno consentito la videoregistrazione. Per facilitare l'individuazione e l'accesso a tali contenuti, in quanto disponibiii, è stata inserita nel repertorio una colonna con i pulsanti AUDIO e VIDEO linkati direttamente ai record.


 

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Fondazione Casali

Fondazione CRTrieste

Prossimi Appuntamenti

Prossimi Appuntamenti

Sezione Arti Visive

Sezione Arti Visive

Sezione Cinematografia

Sezione Cinematografia

Sezione Economia

Sezione Economia

Sezione Musica

Sezione Musica

Sezione Letteratura

Sezione Letteratura

Sezione Medicina

Sezione Medicina

Sezione Musicologia

Sezione Musicologia

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Scienze Morali

Sezione Scienze Morali

Sezione Spettacolo

Sezione Spettacolo

sede via Besenghi

via Besenghi, 16 • 34143 Trieste
tel/fax 040 3404100
presso Seminario Vescovile

info@circoloculturaeartits.org

Iscrizione al Circolo

C.F. 80022560322

Segreteria

ORARIO PER IL PUBBLICO

LUN MAR MERC GIOV
dalle 9:00 alle 11:30

sede via Besenghi

Nel periodo della pandemia Covid-19
si riceve solo su appuntamento.

vai alla mappa

vai alla mappa