Circolo della Cultura e delle Arti

Il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste, fondato nel 1946 per volontà dello scrittore Giani Stuparich,
segue con attenzione le trasformazioni sociali e culturali della città nel contesto regionale ed europeo,
aggiornando di anno in anno il proprio programma di divulgazione umanistica.
In tre quarti di secolo di attività ha realizzato oltre seimila manifestazioni:
conferenze, convegni, pubblicazioni, concerti, mostre, dibattiti, tavole rotonde,
ospitando centinaia di personalità tra le più importanti della cultura.

Sostieni la Cultura triestina! Dona al CCA il tuo 5 x mille

C.F. 80022560322

Il Circolo - per tradizione consolidata - opera non limitatamente ai propri Soci, ma a vantaggio di tutta la città e regione.
Le sue manifestazioni sono assolutamente gratuite ed aperte a tutti.

1946 – 17 febbraio – 2022

76° ANNIVERSARIO DALLA FONDAZIONE DEL CCA

Venerdì 15 ottobre 2021 - ore 10.00

Trieste, Biblioteca Statale "Stelio Crise", Largo Papa Giovanni XXIII, n. 6

Proiezione del film di e con la presenza di Daniele Di Biasio

A cura del dott. Francesco Cenetiempo

Presso la Biblioteca Statale Stelio Crise di Trieste si è svolta la prima proiezione, all'interno della manifestazione "Cinema nelle Biblioteche", “Soltanto un nome nei titoli di testa” di Daniele Di Biasio. Il regista era presente alla proiezione. Il film ricostruisce la biografia artistica, a cent’ anni dalla nascita, del grande sceneggiatore italiano Ugo Pirro, dall' impegno politico ai due Oscar vinti nel 1972 per la sceneggiatura originale di Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto e per la sceneggiatura non originale de Il giardino dei Finzi-Contini tratto da un romanzo di Giorgio Bassani. Sono intervenute alla mattinata di studio, la professoressa Cristina Benussi per la sezione Letteratura del Circolo della Cultura e delle Arti e la professoressa Donata Carelli docente dell'università roma di Tor Vergata e autrice di un volume monografico su Ugo Pirro.

UGO PIRRO. Il soldato, lo scrittore e lo sceneggiatore.

Incontro con gli studenti dell’ISIS “L. Galvani” di Trieste presso la Biblioteca statale Stelio Crise.
di Donata Carelli (*)

Ugo PirroUgo Mattone, in arte Ugo Pirro, oggi viene per lo più ricordato come sceneggiatore per i titoli dei suoi film più noti, A ciascuno il suo (1967), Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970), Il giardino dei Finzi Contini (1970), La classe operaia va in paradiso (1971), La proprietà non è più un furto (1973) e molti, molti altri. L’intervento rivolto agli studenti vuole raccontare come iniziò la carriera di Ugo Pirro a partire dall’esperienza nodale come soldato durante la II guerra mondiale, un’esperienza che lo segnò profondamente e che costituì il nucleo fondante del ricordo a cui attinse per il suo esordio letterario.
Molti non sanno che il sottotenente Ugo Mattone nel 1940 viaggiò su una tradotta partendo proprio da Trieste, attraversò il paesaggio dei Balcani in treno in un viaggio durato circa una settimana, fino a giungere ad Atene. Negli anni Cinquanta fece il suo esordio letterario con il romanzo breve Le soldatesse, cui seguirono Mille tradimenti, Jovanka e le altre, Freddo furore e L’isola in terraferma e molti altri libri tradotti in tutto il mondo. La stampa ne salutò l’exploit come accade con i grandi romanzieri. Quando Pirro dichiarò e che avrebbe lasciato la letteratura per dedicarsi unicamente al cinema, Cesare Zavattini tuonò: «Ma è l’inferno!». Ugo Pirro, nei primi anni di attività, raccontò soprattutto la guerra, poi romanzi a sfondo sociale, di denuncia, gialli e memorialistica. La guerra l’aveva vissuta sulla pelle, in Grecia, in Jugoslavia, in Sardegna, riportando a casa tutta l’amarezza che i lati oscuri del conflitto gli avevano lasciato addosso. Scrisse del conflitto e lo fece con parole nette, asciutte, senza fare né farsi sconti. In lui si percepiva la lucidità, mai appannata da vincoli morali o ideologici imposti, di chi è intimamente convinto che i conti si fanno solo con la Storia. Il conflitto raccontato da Ugo Pirro in quattro dei suoi romanzi: Le soldatesse, Mille tradimenti, Jovanka e le altre, L’isola in terraferma, è una sorta di deserto dell’insensatezza umana, uno spazio in cui, proprio come accade nel deserto, l’uomo è costretto ad incontrare la propria coscienza e ad affrontare un altro conflitto per cui non si è mai preparati: quello con se stessi, con le proprie paure, le debolezze, talvolta i ripensamenti. Un conflitto nel conflitto da cui non si torna vincitori, di certo feriti, forse più consapevoli. E qualcuno, dal conflitto, rinasce scrittore. Anche la sua biografia, a guardarla bene, ha gli snodi di un romanzo d’avventura. In lui, esperienza e creatività appaiono inscindibilmente legate.
Innegabile il suo talento immaginifico a partire dall’importanza attribuita all’“idea”, vero detonatore della fantasia e della memoria. Alla definizione dell’“idea” come momento apicale della creatività, Pirro ha dedicato un manuale sui generis, Per scrivere un film. Frutto evidente della sua esperienza come docente al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, il libro contiene sin dalle prime pagine la rivendicazione della dignità dello scrittore di cinema, così spesso trascurato come figura ed escluso ingiustamente dal successo di un film, tributato esclusivamente ai registi. Oggi la situazione è in rapida evoluzione e lo sceneggiatore forse inizia a essere non più solo “un nome nei titoli di testa”. L’esperienza di Ugo Pirro, così come viene raccontata nel documentario “Soltanto un nome nei titoli di testa” di Daniele Di Biasio, e che è stato oggetto di dibattito con gli studenti, vuole sottolineare ai giovani cineasti come non debbano mai venir meno la curiosità, la caparbietà e un’incrollabile determinazione. Solo così il miracolo del cinema torna a rinnovarsi e a saper interpretare il comune sentire del pubblico in sala.


(*) Donata Carelli, docente presso l’Università di Roma Tor Vergata sui rapporti tra la Letteratura e il Cinema, collabora con l’Università Roma Tre per il Master “I percorsi dello storytelling” dove si occupa del rapporto tra immagine e parola. È diplomata in Sceneggiatura presso la Nuova Università del Cinema e Televisione (NUCT) di Roma, dove è stata allieva del Maestro Ugo Pirro. Per l’editrice UniversItalia ha recentemente pubblicato la monografia Ugo Pirro. La scrittura del conflitto (2020) con prefazione di Andrea Purgatori. Nel 2008 è stata co-sceneggiatrice del documentario “Soltanto un nome nei titoli di testa” Omaggio ad Ugo Pirro, di Daniele Di Biasio di cui è stato un Evento Speciale alla 65ª Mostra del Cinema di Venezia 2008.

 

La segreteria del Circolo riprenderà l'attività operativa dal 5 settembre, nel consueto orario dal lunedì al giovedì, ore 9.00 - 11.30. La corrispondenza e-mail in arrivo nei mesi di luglio e agosto sarà monitorata settimanalmente, per dare riscontro a eventuali questioni urgenti.

Ai Soci e a tutti gli Amici del Circolo, auguriamo un'estate serena.


Rubriche e servizi

Si segnala, nella rubrica "Grandangolo" curata da Paolo Frandoli, la nuova galleria di immagini dedicata all’oasi faunistica dell’Isola della Cona, situata alle foci dell’Isonzo: vero e proprio tesoro naturalistico della nostra regione.

Lo spazio Letteratura presenta le opere dei vincitori premiati e segnalati nella prima edizione del concorso internazionale “Giani Stuparich” riservato a giovani scrittori e videoamatori della macroregione Friuli V. Giulia – Austria – Slovenia – Croazia.

La sezione Cinematografia riporta una sintesi del libro di Francesco Cenetiempo “Fulgidi quegli anni!”, dedicato alle attività in campo cinematografico sviluppate della Sezione Spettacolo del CCA nei primi anni del dopoguerra (1947-1956).

Audio-video archivio

Le pagine Appuntamenti offrono la cronologia completa degli eventi realizzati dal Circolo a partire dall'anno 2017. Cliccando sul titolo di ciascuna manifestazione si accede alla relativa sintesi descrittiva, alle note biografiche sui relatori e ad eventuali contenuti multimediali correlati.

Dal 2018, diverse conferenze sono state audio-registrate. Dal 2020, numerosi incontri sono stati tenuti in video-conferenza, attraverso piattaforme dedicate, che ne hanno consentito la videoregistrazione. Per facilitare l'individuazione e l'accesso a tali contenuti, in quanto disponibiii, è stata inserita nel repertorio una colonna con i pulsanti AUDIO e VIDEO linkati direttamente ai record.


 

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Fondazione Casali

Fondazione CRTrieste

Prossimi Appuntamenti

Prossimi Appuntamenti

Sezione Arti Visive

Sezione Arti Visive

Sezione Cinematografia

Sezione Cinematografia

Sezione Economia

Sezione Economia

Sezione Musica

Sezione Musica

Sezione Letteratura

Sezione Letteratura

Sezione Medicina

Sezione Medicina

Sezione Musicologia

Sezione Musicologia

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Scienze matematiche e naturali

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Relazioni Internazionali e Integrazione Europea

Sezione Scienze Morali

Sezione Scienze Morali

Sezione Spettacolo

Sezione Spettacolo

sede via Besenghi

via Besenghi, 16 • 34143 Trieste
tel/fax 040 3404100
presso Seminario Vescovile

info@circoloculturaeartits.org

Iscrizione al Circolo

C.F. 80022560322

Segreteria

ORARIO PER IL PUBBLICO

LUN MAR MERC GIOV
dalle 9:00 alle 11:30

sede via Besenghi

Nel periodo della pandemia Covid-19
si riceve solo su appuntamento.

vai alla mappa

vai alla mappa