Home arrow Comunicati stampa arrow TRE VOCI PER MASCHERINI. Conversazione sulla vita e l'opera dello scultore a 30 anni dalla scomparsa
TRE VOCI PER MASCHERINI. Conversazione sulla vita e l'opera dello scultore a 30 anni dalla scomparsa Stampa E-mail

CCA – TRE VOCI PER MASCHERINI.

CONVERSAZIONE SULLA VITA E L’OPERA DELLO SCULTORE

A TRENT’ANNI DALLA SCOMPARSA.

Giovedì 7 novembre 2013 – ore 17.30

Sala Costantinides del Museo Sartorio- L.go Papa Giovanni XXIII, 1

Con la prof.ssa Cristina Beltrami (Università degli Studi di Verona) ,

il prof. Enrico Lucchese (Università di Trieste)

e il dott. Massimo De Sabbata (Dottore di Ricerca in Storia dell’Arte, Università UD)

A cura della Consigliera Sig.a Franca Malabotta

 

 

 

La figura dello scultore Marcello Mascherini sarà al centro di una proposta da parte della Sezione Arti Visive del Circolo della Cultura e delle Arti, a cura di Franca Malabotta.

La manifestazione, che avrà luogo giovedì 7 novembre 2013 alla Sala Costantinides del Museo Sartorio (L.go Papa Giovanni XXIII, 1) con inizio alle 17.30, avrà come relatori Cristina Beltrami, docente universitario in Museologia, Enrico Lucchese, docente di Storia dell’arte e Massimo De Sabbata, dottore di ricerca  specializzato in Storia dell’Arte.

Nel trentennale dalla scomparsa dello scultore triestino, lo ricorderanno in un convegno caratterizzato da una inedita presentazione, i tre giovani studiosi contemporaneisti che uniranno le loro voci a quelle del pubblico. A Lucchese spetterà aprire il discorso sugli inizi dell’artista, lasciando poi il testimone a Beltrami che avrà il compito di approfondire le conoscenze sulle presenze alle Biennali veneziane, mentre De Sabbata tratterà di una scultura perduta di Mascherini, l’Icaro del 1933.

Il risultato sarà una conversazione aperta, in cui poter conoscere, approfondire e scoprire nuove sfaccettature dell’artista che ha lasciato un profondo segno nel panorama artistico locale e nazionale.

L’importanza dell’occasione sarà evidenziata dalla presentazione di un’opera che si riteneva dispersa. Si tratta di Sorriso mesto del 1927, un gesso giovanile dunque, che Enrico Lucchese - suo scopritore - riporterà nel clima, importantissimo, della Trieste del tempo, tra il "Realismo Magico" e i precedenti "Valori Plastici".

L’evento, organizzato in collaborazione con l’ Associazione Culturale “Archivio Marcello Mascherini” di Azzano Decimo, sarà anche un modo per celebrare la personalità dello scultore, tra i soci fondatori del Circolo nel 1947, che nella sua qualità di Direttore della Sezione Arti Visive del Circolo della Cultura e delle Arti ha lasciato una notevole impronta e la testimonianza di un’opera, emblema del Circolo stesso: la medaglia raffigurante Minerva.

 
< Prec.   Pros. >

© Circolo della Cultura e delle Arti
Via San Nicoḷ 7, 34121 Trieste - Tel. 040.366744
C.F. 80022560322