Home arrow Comunicati stampa arrow I FILOSOFI E LA MUSICA - 20 maggio 2013
I FILOSOFI E LA MUSICA - 20 maggio 2013 Stampa E-mail
 

 

I FILOSOFI E LA MUSICA

Lunedì 20 maggio 2013 – Ore 17.30

Sala Baroncini delle Assicurazioni Generali – Via Trento, 8 (3° piano)

Con il prof. RiccardoMartinelli (Università di Trieste)

A cura del m.o dott. Stefano Bianchi

 

Fra ramificazioni storiche e ricche suggestioni ruota la proposta della sezione musicologica del Circolo della Cultura e delle Arti, a cura di Stefano Bianchi, per un incontro che avrà luogo lunedì 20 maggio alla Sala Baroncini delle Assicurazioni Generali (Via Trento, 8 – III piano) con inizio alle ore 17.30. Al centro del dibattito il volume “I filosofi e la musica” (Il Mulino 2012), che riflette sull'idea emersa fin dall’antichità di una segreta affinità tra musica e filosofia, i cui destini si sono intrecciati nel corso del tempo. L'autore, Riccardo Martinelli, docente dell'ateneo triestino e già autore, fra l'altro di “Musica e natura. Filosofie del suono” (1999), metterà in luce, accanto al panorama storico generale, quella che appare come la linea italiana di filosofia della musica, anzi, delle tante linee che sono proliferate negli ultimi quarant'anni, nell'avvicinamento tra musica e filosofia: “due attività umane disparate, lontane tra loro quanto possono esserlo la morbida sensualità del canto e il silenzioso rigore del pensiero razionale”. La musica non rimane confinata dunque quale un argomento filosofico tra i molti: anzi l'arte dei suoni, nella sua solo apparente assenza di contenuti, sfida la filosofia conducendola a interrogarsi su questioni di rilevanza capitale e infine sulla sua stessa ragion d’essere. In tal modo la “filosofia della musica” non rappresenta, almeno nelle sue manifestazioni più credibili e affascinanti, una sotto-disciplina o una piccola nicchia tematica riservata ad appassionati. Per contrastare tali apparenze e cogliere invece il legame profondo tra musica e filosofia si deve privilegiare quanto è riferibile all’esperienza musicale concreta: alla musica reale, cantabile ed eseguibile, in tutta la varietà delle sue forme storiche. Allora l'indagine attorno ad alcune celebri figure della riflessione filosofica antica e moderna, a partire da alcune delle più belle pagine della storia del pensiero, finisce senza dubbio per mostrare la profondità e le sfaccettature suggestive e pure emozionanti di questo legame antico.

 Il prof. Franco Serpa, invitato in un primo tempo, non sarà presente all'incontro per sopravvenuti motivi di salute.

 

Ufficio stampa CCA: Fabio Venturin

 
< Prec.   Pros. >

© Circolo della Cultura e delle Arti
Via San Nicoḷ 7, 34121 Trieste - Tel. 040.366744
C.F. 80022560322